Cava Francese


La Maddalena - Cava Francese

All’interno di un piccolo fiordo nella costa sud-occidentale di La Maddalena, c’è Cava Francese, disposta di fronte alla baia di Cala Francese, ancoraggio riparato anche dai venti di maestrale. A Cava Francese, tra la fine del 1800 e il dopoguerra si è estratto un granito considerato tra i più pregiati: le navi a vela ormeggiavano alla banchina e trasportavano enormi blocchi in molte parti del mondo. La cava, le cui connotazioni di archeologia industriale sono tuttora visibili, fa parte nel Parco Geominerario della Sardegna, recentemente riconosciuto dall'Unesco. In uno scenario di grande intensità che evoca l’epopea di quella stagione, si possono ammirare i vecchi argani, le locomotive e l’antica direzione della cava con le case degli scalpellini, oggi restaurate dalla famiglia Grondona, proprietaria del sito. La visita è possibile solo dal mare o a piedi percorrendo un breve sentiero che ha inizio dalla strada panoramica, all’altezza di Cala Francese, dove la strada finisce di essere asfaltata.
Dal paese di La Maddalena, in auto si percorre la panoramica che porta verso ovest e dopo circa due chilometri, superate le scogliere di Punta Tegge e Nido d’Aquila, si arriva al bivio con la strada sterrata. Il sentiero verso sud conduce in qualche minuto alle cave di granito e quello verso nord alle numerose spiaggette di Cala Francese e alle rocce dove la piccola cappella della Madonnetta dei Pescatori offre un bellissimo panorama sull’isola di Spargi.
INDIRIZZO

La Maddalena

Condividi